.
Annunci online

1 febbraio 2008
Au revoir
Dalla guida della Siria della Lonely Planet. Museo Nazionale di Damasco:

All'interno i reperti sono raggruppati in tre sezioni - periodo preclassico, classico e islamico - ma le spiegazioni della maggior parte di essi sono spesso solo in francese o in arabo e molti sono addirittura privi di legende informative. The Concise Guide: National Museum of Damascus è reperibile nel nel negozio di souvenir del museo, ma inspiegabilmente invece di descrivere le collezioni si occupa di tutt'altro. Priva di contesto, l'interminabile serie di oggetti spesso non identificati può risultare noiosa.

Ecco, per fare in modo che la prossima edizione della Lonely Planet riporti giudizi meno scoraggianti, noi si parte alla volta di Damasco. Quattro mesi. Proviamo a mettere su un progetto per il riallestimento del museo di Damasco. Si parte lunedi. Si torna a giugno.
Chissà se da lì avrò modo di aggiornare il blog, mi piacerebbe raccontare un po' com'è la Siria vista da vicino e l'Italia vista da lontano. Vedremo. Anzi: Inshallah. 



permalink | inviato da borgognoni il 1/2/2008 alle 16:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
gennaio        marzo


Pubblicità




Il tumblr


Borgognoni 2.0

Twitter

Tumblr

Flickr

YouTube



Andate a vedere





Leggete








Sostenete


Support Amnesty International





Le foto del borgo

www.flickr.com



Borgo su Leftwing

Modello Augusto
La sinistra e la lezione dei Simpson
L'exemplum di Veronica e Silvio
I sentimenti del Campidoglio
Il maratoneta democratico
Il campione delle foglie morte
L'autunno del pugilato
Le mani pulite del ciclismo
La serie B del ciclismo
Jan Ullrich, l'antitedesco
La metamorfosi di Ivan Basso
L'archeologia del ciclismo





Cerca




Feedz

Feed RSS di questo 

blog FeedBurner

Feed RSS di questo 

blog Rss

Feed ATOM di questo 

blog Atom



Stats





Locations of visitors to this page